venerdì 13 gennaio 2012

"Torta Alemana" de Panchita

Genealogia di una cuoca
 Panchita (Francisca) Muracciole era una delle quattro sorelle di Catalina, detta Cata, la nonna adorata di Ernesto, mio marito. Nomignolo che evoca qualcosa di minuto, morbido e delicato....e io, che non l'ho conosciuta, la immagino così. E' molto comune tra le usanze sudamericane utilizzare  soprannomi o nomignoli che caratterizzano le persone e le cinque sorelle Muracciole ne avevano uno per ognuna: Cata, Tita, Morocha, La Negra e Panchita....avevano anche un fratello Juan Maria ma non so se anche lui fosse oggetto di particolare nomignolo come le sorelle. Il cognome racconta di origini corse e quindi di caratteri forti, volitivi e spesso testardi....e dai racconti di Ernesto in effetti le ragazze Muracciole si caratterizzavano per personalità di tutto rispetto: indipendenti e intraprendenti, ma anche dolci e piene di attenzioni verso gli altri, amanti della casa e della cucina. Questa ricetta l'ho imparata da mia suocera Mecha (Maria Mercedes) figlia di Catalina e nipote di Panchita.



Ingredienti:
100 gr. burro morbido
125 gr. zucchero + 185 gr. per la meringa
175 gr. di farina
4 uova
5 cucchiai grandi di latte                                 
3 cucchiaini di lievito paneangeli
aroma vaniglia o limone                                  
250 gr. marmellata di fragole
Procedimento:
Accendere il forno a 180° e ungere e infarinare 2 ruoti di 22/24 cm. (io uso la carta forno o il foglio di alluminio ed in questo caso ho usato i ruoti delle pastiere). Battere il burro morbido con un cucchiaio di legno e aggiungere gradualmente i 125 gr. di zucchero fino ad avere un composto spumoso. Aggiungere uno alla volta i tuorli d'uovo, aggiungendo il successivo solo quando il precedente è stato amalgamato per bene. Al composto di burro e uova aggiungere la farina e lievito, precedentemente setacciati insieme, 1 cucchiaio alla volta alternando con il latte (1 cucchiaio di farina-1 di latte) terminando con la farina. Se il composto risulta troppo duro aggiungere un altro pochino di latte.
Per la meringa: nella planetaria montare i bianchi d'uovo con un pizzico di sale fino a quando non saranno ben duri. A questo punto cominciare ad aggiungere lo zucchero poco alla volta, continuando a montare il composto alla max. velocita'. La meringa sarà pronta quando alzando la frusta il composto risulterà lucidissimo e durissimo.
Dividere la base della torta in parti uguali nei due ruoti. Ricoprire una delle due basi con uno strato di meringa ben livellato, l'altra facendo cadere la meringa restante a cucchiaiate creando un effetto di morbide montagnelle:) uffa...non so come spiegare.....insomma guardate la foto :)))). Infornare per circa 30 min. (prova stecchino) Le meringhe dovranno essere leggermente dorate e sode. Lasciare intiepidire, quindi adagiare la base con lo strato di meringa livellata su un piatto da portata. Aggiungere la marmellata di fragole e coprire con la base con la meringa a cupolette!!!! Se vi va potete aggiungere filetti di mandorle o cocco grattuggiato...io non ho aggiunto niente ed era una vera delizia.




6 commenti:

  1. Questa devo farla a mio figlio,grazie.

    RispondiElimina
  2. @ Carmelo Recupero: ma grazie a te:)

    RispondiElimina
  3. Rosa complimenti! Sono veramente belle e poi presentate bene! hai mai pensato di aprire una pasticceria? Visto così hai una gran passione e faresti strage!!!

    RispondiElimina
  4. Grazie Caludia, si ho una gran passione per la cucina e specialmente per i dolci, ma penso che la mia giornata dovrebbe essere di 48 ore per darmi alla pasticceria!!! chissà....magari in un'altra vita:) pero' mai dire mai!!!! grazie per la visita

    RispondiElimina
  5. dimmi che porti questa stasera!
    dimmelo, dimmelo, dimmelo... :D

    RispondiElimina
  6. Lau devi cuocere sui carboni :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...