mercoledì 29 novembre 2017

Risikitchen - ricette vincenti da tutto il mondo


Questo post a blog unificati è un racconto di amicizia, di viaggi e di cibo.

Se ci seguite da anni, sapete che la nostra carovana da anni viaggia per scoprire le ricette del mondo. Tutto iniziò con un viaggio in Italia, poi si andò in Europa e, infine, per il mondo intero. Trovare una lettera per ogni ricetta o per ogni città, nazione e paese era solo un pretesto per scoprire che cosa si mangia qua e là per il mondo, senza lasciare la propria città e la propria cucina.
In tanti aderirono ai nostri viaggi, la carovana si riempiva a ogni tappa con nuovi amici unitisi lungo il cammino, i fedelissimi sempre presenti con la valigia sempre pronta e tutti con tanta, tantissima voglia di scoprire nuove ricette e nuovi ingredienti.

Ma questo è il passato...


Venne poi un giorno in cui Aiu’ si ricordò di tante notti con gli amici passate a giocareRisiko! (sì, proprio lui), il suo cervello le disegnò mentalmente il tabellone del gioco e il resto è ciò di cui vogliamo parlarvi oggi.


Risikitchen - ricette vincenti dal mondo

Avete capito bene! In vendita su Amazon trovate il nostro ultimo progetto (ultimo se ci fermiamo a guardare il presente, ma ne verranno altri, ne siamo certi!). Quello che vi presentiamo è un sogno collettivo (grazie Rosa Maria per la definizione!). È un libro di ricette che attraversa tutti e 42 i territori del Risiko! (sì, anche il Kamchatka!). Ancora un pretesto per conoscere le ricette del mondo.

Siamo 30 condottieri, 30 blogger, ognuno con 2 obiettivi tra le mani: una ricetta salata e una dolce. Non ci sono dadi rossi né blu, non ci sono carrarmati né territori
da invadere. È un libro pacifico composto da 84 ricette vincenti, tutte diverse, ognuna con una suo pezzettino di storia, ognuna curata con tanta passione da ognuno di noi per regalarvi un viaggio unico e imperdibile. Del resto, chi non “risika” non rosica!

Chi siamo? Eccoci qui (in rigoroso ordine alfabetico come piace a noi):
·Anca – Squadra pelosetti
·Angiola – Piatti coi tacchi
·Anna – La cucina di Anisja
·Brigida - Briggishome
·Carla Emilia – Un’arbanella di basilico
·Cinzia – Cinzia ai fornelli
·Cinzia - Cindystarblog
·Cristina – La cucina di Cristina
·Elena – Zibaldone culinario
·Eloisa (Aiu’) – Trattoria MuVarA
·Igor – Trattoria MuVarA
·Lucia – Tortadirose
·Lynne – Cafe Lynnylu
·Manuela – A dieta da lunedì
·Margherita – La petite casserole
·Marzia – Coffee & Mattarello
·Ornella – Spezie e cioccolato
·Paola – Pinko Panino
·Patrizia – La melagranata
·Rosa Maria – Torte e dintorni
·Sabrina – Nato sotto il cavolo
·Simona – Briciole
·Stefania - Bigshade
·Teresa – Crumpets & Co.

Se ti abbiamo incuriosito e sei già su Amazon ordinando il nostro libro (questo è il link!), aspettiamo le tue opinioni! Se hai voglia di dirci la tua, mandaci un’e-mail. Se proverai una ricetta, dicci com’è andata e mandaci una sua foto. Se hai voglia di contattarci, noi siamo qui: risikitchen@gmail.com 
Sii parte del nostro sogno collettivo!


Grazie e buone ricette a tutti!

domenica 13 marzo 2016

Spas - Zuppa Armena di Yogurt e Orzo


Spas - Zuppa Armena di Yogurt e Orzo

Penultima tappa del nostro viaggio intorno al mondo.....la magica carovana dell'Abbecedario Culinario Mondiale si ferma a Yerevan in Armenia, dove Cristina ci ospita e dove ci ha sapientemente accompagnato attraverso storia, cultura, tradizioni, alla scoperta di una delle cucine più antiche del Mediterraneo. Cucina genuina, povera di grassi e ricca di spezie e di erbe aromatiche (menta, coriandolo, aneto) nel corso del tempo, attraverso le varie generazioni, è riuscita a combinare sapientemente aromi e sapori di cereali, legumi, frutti pesci o carni fino ad ottenere un insieme di piatti gustosi, raffinati e salutari. La gastronomia armena esprime il profondo legame di questo popolo con il proprio territorio, un territorio dove agricoltura e pastorizia sono molto fiorenti grazie alla sua origine vulcanica che lo rende fertilissimo. Tra le varie ricette ne ho scelta una estremamente semplice ma molto gustosa. E' una zuppa a base di yogurt e orzo perlato, profumata di menta e coriandolo da gustare calda nelle giornate fredde di lunghi inverni.

Spas
Zuppa Armena di Yogurt e Orzo

Spas - Zuppa Armena di Yogurt e Orzo

Ingredienti
100 gr di orzo perlato
4 uova
1 lt di acqua
1 cucchiaio di farina
450 gr di yogurt (preferibile il greco)
30 gr di burro
1 piccola cipolla
2 cucchiai di menta secca
coriandolo o prezzemolo tritati 2 cucchiai
erbette fresche (basilico, timo, erba cipollina)
sale e pepe 

Spas - Zuppa Armena di Yogurt e Orzo


Preparazione

Lasciate l’orzo in ammollo nell’acqua per tutta la notte. Dopodiché toglietelo dall’ acqua e mettetelo in una casseruola con metà della dose di acqua; portatelo ad ebollizione, abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per mezz’ora, finché l’orzo sarà tenero; quindi scolatelo. In una grossa ciotola rompete le uova e mescolate energicamente con un cucchiaio di legno (meglio con un frullino) incorporatevi la farina, quindi lo yogurt e diluite il tutto con il resto dell’acqua. Passate questo composto in una casseruola e, a fuoco molto lento e sempre mescolando, portate ad ebollizione, quindi fate sobbollire lentamente per 2-3 minuti fino a che il composto non risulterà leggermente ispessito. Aggiungete la menta secca e il coriandolo
Nel frattempo ammorbidite la cipolla tritata in un tegamino con il burro fuso. Versate l’orzo nella zuppa insieme alla cipolla dorata; aggiustate di sale e pepe, e fate insaporire ancora per qualche minuto.   Al momento di servire, condite la zuppa con un trito di erbe profumate (basilico, origano, erba cipollina....quello che più preferite)
Spas - Zuppa Armena di Yogurt e Orzo

  

giovedì 11 febbraio 2016

Pollo al limone e vaniglia


Pollo al limone e vaniglia

Per questa tappa cinese dell'Abbecedario Culinario Mondiale, ospitata da Carla Emilia, rispolvero uno dei primi post di questo blog, dopo un accurato intervento di re-styling!!!! La ricetta che regalo a Carla Emilia proviene direttamente da Pechino,  regalo di mia cognata Satchyo, giapponese di nascita e uruguayana di adozione. Durante il suo soggiorno in Cina ha imparato varie ricette di quel paese e questa è una di quelle arrivata sino a me ed entrata a pieno titolo tra le "ricette di famiglia". E' un piatto che personalmente trovo molto raffinato: l'abbinamento dell'aroma dolce della vaniglia con quello aspro del limone crea un "binomio" perfetto. Consiglio: servite i piccoli bocconcini di pollo in piccoli piatti affiancati da ciotoline che contengono la salsa di limone. Ogni commensale potrà intingere il pollo nella salsa, magari utilizzando le apposite bacchette et voilà.....il gioco è fatto! il "profumo d'oriente" accompagnerà la vostra tavola. 

Dal post di giovedì 1 settembre 2011 

Pollo al limone e vaniglia 

Pollo al limone e vaniglia

Ingredienti per 4 persone:
2 petti di pollo, 
fecola di patate, 
1 baccello di vaniglia 
2-3 uova, 
sale, 
olio di arachidi

Per la salsa al limone:
500 cc di acqua, 
5-6 cucchiai di fecola di patate, 
il succo di 5-6 limoni,
estratto di vaniglia, 
sale.

Pollo al limone e vaniglia

Preparazione
Tagliate a strisce sottili il petto di pollo, passatelo nella fecola di patate dove avrete aggiunto la vaniglia (aprite 1 baccello di vaniglia, estraendone tutti i semini e mescolateli alla fecola di patate) In una ciotola sbattere le uova con il sale, immergete poche alla volta le striscette di pollo passate nella fecola di patate. Friggete il pollo in abbondante olio bollente fino a quando non è dorato.....si sprigionerà un delizioso aroma. Salate
Mettete i pezzi di pollo su carta assorbente per eliminare l'eccesso d'olio e teneteli in caldo. Preparate la salsa di limone prelevando dalla dose d'acqua indicata una tazza e stemperatevi la fecola di patate. Aggiungete anche qui la vaniglia e in questo caso potete usare un estratto di vaniglia nella dose di un cucchiaino. Versate la restante dose d'acqua mescolata al succo dei limoni e ad una scorza di limone grattugiata in una piccola casseruola, ponetela sul fuoco e fatela riscaldare. Quando si avvicina al bollore versate dentro la fecola di patate precedentemente sciolta. Vedrete che quasi subito la salsa si addenserà quindi abbassate la fiamma e cuocete la salsa per 5-6 minuti sempre girando con una frusta, per evitare che la salsa si attacchi al fondo della pentola. Aggiungete sale a gusto. Servite i pezzetti di pollo accompagnandoli con la salsa di limone e vaniglia servita in ciotoline monoporzioni.  
 
Wǒ zhù  yǒu yīgè hǎo wèikǒu 

良好的食欲
Pollo al limone e vaniglia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...