domenica 23 ottobre 2011

Treccia ai semi di papavero

L'autunno è la mia stagione....decisamente. Mi piace tutto di questo periodo dell'anno: i colori e i sapori autunnali mi fanno nascere la voglia di casa, di caldo intorno ad un fornello o ad un forno, di plaid poggiati sulle gambe per ripararsi dai primi brividi di freddo, mentre magari posso dedicarmi alla lettura di un buon libro. Oggi più che alla lettura mi sono dedicata alla preparazione di questa treccia di pasta lievitata, che trovo deliziosamente in sintonia con questo periodo dell'anno. Ottima gustata tiepida, magari accompagnata da un buon té o per colazione. 

Treccia ai semi di papavero


                                                           
Ingredienti                                                                 
15 g lievito di birra fresco
6 ctv di latte tiepido
250 gr farina 00
1/8 cte di sale
30 gr burro sciolto
30 gr zucchero
1 uovo leggermente sbattuto
la scorza grattuggiata di 1/2 limone 
30 gr zucchero a velo + 1 cucchiaio di succo di limone

 Ripieno di uva passa e semi di papavero
90 gr di semi di papavero
90 gr di uva passa tritata
1/4 lt di latte
2 ctv di maizena
1 rosso d'uovo
30 gr di burro
60 gr di nocciole sgusciate, tostate e tritate


Preparazione.
Mescolare il lievito fresco con il latte e 1 cucchiaio di farina in una piccola ciotola. Lasciare riposare in luogo tiepido per almeno 15 min. fino a quando non schiuma. In una ciotola mescolare la restante farina con il sale. Unire il burro, lo succhero, l'uovo e il lievito e otterrete una pasta morbida. Impastarla sulla tavola infarinata per almeno 5 min, poi metterla in una ciotola unta, coprirla con la pellicola trasparente anch'essa unta e lasciarla lievitare in un posto caldo per 1-2 ore a raddoppiare il suo volume. Accendere il forno a 200°, ungere una teglia apribile di 22 cm di diametro, e preparare il ripieno. In una casseruola mettere i semi di papavero, l'uvetta e la metà del latte e far sobbollire piano per 5-7 minuti fino a quando i semi si gonfiano assorbendo quasi tutto il latte. Mescolare la maizena e il rosso d'uovo con il latte rimasto, aggiungere alla casseruola e cuocere, sempre mescolando fino a quando il composto infittisce. Togliere dal fuoco e mescolarci il burro. Far raffreddare e unire le nocciole tritate. 
Per fare la treccia, stendere la pasta sulla tavola infarinate e fare un rettangolo di circa 38x45 cm. Spalmare il ripieno sul rettangolo, lasciando liberi ai lati circa 2,5 cm. Arrotolare il rettangolo e alla fine tagliarlo a metà per la lunghezza. Ottenute due strisce, intrecciarle e, terminata la treccia, adagiarla nella teglia unendo le due estremità per ottenere una treccia tonda. Infornare e cuocere per circa 35 min, o fino a quando il dolce non è ben dorato. Sfornare e dopo qualche minuto adagiare la treccia su una gratella per dolci, e spennellare la superfice con lo zucchero al velo sciolto nel succo di limone (glassatura). Lasciare raffreddare e consumare, se possibile, tiepido. 



Con questa ricetta partecipo alla raccolta del calendario di Ornella





Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...